Beato Luigi Maria Monti

04/09/2013

Beato Luigi Maria Monti
Il Beato Padre Luigi Maria Monti, è una "splendida figura di consacrato laico, di religioso, di apostolo della carità, che l’ardente amore per la Vergine Immacolata condusse a servire in modo eroico Cristo nei giovani, nei poveri e nei sofferenti". (Giovanni Paolo II) Luigi Monti nacque a Bovisio (MI) il 24 luglio 1825. In gioventù decise di consacrarsi a Dio, e cominciò a radunare attorno a sé alcuni coetanei, artigiani e contadini, realizzando nella sua bottega di falegname, un oratorio serale per formare una comunità di fede, chiamata dalla gente "la compagnia dei frati". Essa divenne fermento spirituale per l’azione benefica che svolse a favore dei poveri e dei malati del paese. Lavorò poi da apprendista falegname a Cesano Maderno ove incontrò don Luigi Dossi, che divenne sua guida spirituale per un lungo tempo della sua vita. La "compagnia dei frati",non fu ben vista da alcune persone del paese e dal parroco, che misero in atto un’opposizione strisciante ma palese che sfociò in una calunniosa denuncia di cospirazione politica contro l’autorità austriaca (il Lombardo-Veneto allora era soggetto all’Austria).Il Monti e quindici suoi compagni furono incarcerati per 72 giorni a Desio, prosciolti poi per infondatezza dell’accusa. Nel 1851 padre Monti entrò nella Congregazione dei Figli di Maria, fondata dal Venerabile Ludovico Pavoni per educare la gioventù bisognosa; si mise al servizio dei malati di colera come infermiere volontario nel lazzaretto di Brescia. Nel 1857 su mandato del suo direttore spirituale don Luigi Dossi, si recò a Roma nell’ospedale Santo Spirito in Sassia dove fondò la Congregazione dei Concezionisti, volta all’assistenza ospedaliera ed alla educazione dei ragazzi bisognosi. Questa si diffuse prima in Roma, poi a Orte, Civita Castellana, Napi e Capranica. Continuò gli studi per apprendere l’arte medica e a completamento della sua esperienza in questo campo ottenne dall’Università di Roma il titolo accademico di "flebotomo", con facoltà di intervenire anche in campo odontoiatrico. Nel 1868 intraprese la missione nel civico ospedale di Orte nel Lazio, inserendo anche il servizio dei Fratelli Ospitalieri dell’Immacolata Concezione e con la direzione spirituale dei frati Cappuccini. In questo ospedale si dedicò per circa dieci anni lasciando la testimonianza di donazione di sé e di alta professionalità, manifestando doti straordinarie di organizzatore in favore del ceto sociale. affresco di Olga AnastassopoulouPer volere di Papa Pio IX (Giovanni Maria Mastai Ferretti), il 4 marzo 1877 Luigi Monti venne eletto Superiore della sua Concrezione e il 6 dicembre 1878 il cardinal Ferrieri, Prefetto della Sacra Congregazione dei Vescovi, lo nominò Superiore Generale dei Figli dell’Immacolata Concezione. Nel 1886 tornò a Saronno (VA), ove sviluppò la sua vocazione giovanile di educatore: accolse orfani e per essi organizzò scuole professionali., nel quale ogni ragazzo poteva crescere e sviluppare le proprie capacità, fino a raggiungere la maturità e l’autonomia personale per ben inserirsi nella società. La famiglia religiosa da lui voluta come una comunità di eguali al servizio dell’uomo sofferente, aveva ormai un suo volto specifico. Mancava ancora il "fratello sacerdote" che su un piano di parità con gli altri confratelli doveva essere l’animatore spirituale delle comunità ospedaliere ed educative, ma l’intuito del Servo di Dio (così veniva chiamato il Monti), fece capire ai presenti, nei giorni dell’agonia, che presto la Chiesa avrebbe concesso alla Congregazione anche il dono del sacerdozio. Papa Pio X (Giuseppe Sarto) nel 1904, diede l’approvazione al nuovo modello di comunità previsto dal fondatore, concedendo il sacerdozio ministeriale come completamento essenziale per svolgere una missione apostolica rivolta tutta all’uomo, sia nel servizio degli infermi che nell’accoglienza della gioventù emarginata. I Figli dell’Immacolata Concezione, i "Concettini" vivono oggi in sintonia la vita consacrata come religiosi laici e religiosi consacrati. Padre Luigi Maria Monti morì a Saronno (VA) il 1° ottobre 1900 e sepolto nello stesso cimitero. Il 22 settembre 1940 le sue spoglie mortali vennero esumate e trasportate nella cripta della chiesa del suo primo orfanotrofio, ora Istituto che ha preso da lui il nome. Nel 1941 l’Arcivescovo di Milano, cardinal Ildefonso Schuster, iniziò la causa di beatificazione e canonizzazione con la celebrazione del Processo Ordinario Informativo che si protrasse fino al 1950. Il rito della beatificazione di Luigi Maria Monti venne celebrato a Roma il 9 novembre 2003. A cura di Ildefonso Valota