Multe Ricorsi

Informazioni

Il ricorso contro sanzioni amministrative pecuniarie per violazioni del Codice della Strada, può essere presentato dal :
  • Il cittadino a cui sia stata contestata o notificata una infrazione al c.d.s;
  • Proprietario del veicolo (o l'usufruttuario o l'utilizzatore a leasing) se persona diversa dall'autore materiale dell'infrazione. Questi ultimi soggetti, difatti, sono responsabili in solido con l'autore materiale e sono tenuti al pagamento della sanzione nel caso in cui questi non adempia, salvo che dimostrino che il veicolo ha circolato contro la loro volontà.
Il pagamento in forma  "scontata  del 30%" esclude la possibilità di proporre ricorso.

A chi rivolgersi

  • Polizia Locale - Ufficio Verbali e Contravvenzioni polizialocale@pec.comune.bovisiomasciago.mb.it
  • Prefettura di Monza e della Brianza via Prina, 17 20900 Monza
  • Giudice di Pace di Desio Corso Matteotti, 11 20033 DESIO (MI) Tel. 0362 - 630308 / 7 / 620672 Fax 0362 - 630308 E-mail: gdp.desio@giustizia.it.

Cosa Occorre

Esistono due possibilità di ricorso, alternative tra loro: - Il Ricorso al Prefetto deve essere presentato entro 60 giorni dalla contestazione o notifica dell'infrazione presso il comando a cui appartiene l'organo accertatore, sempre che non sia stato effettuato il pagamento in misura ridotta nei casi consentiti. L'istanza è in carta semplice e può essere presentata a mano (anche da persona incaricata) o attraverso raccomandata A/R. L'ufficio ricevente registra il ricorso e lo inoltra al Prefetto con le controdeduzioni degli agenti verbalizzanti entro 60 giorni. All'istanza possono essere allegati documenti idonei a comprovare le proprie ragioni e con essa può essere richiesta l'audizione personale. La medesima procedura si rispetta per i ricorsi presentati da persone in possesso di regolare permesso (invalidi, sanitari etc.) e per i veicoli appartenenti alle forze armate o adibiti a servizi d'istituto. Il Prefetto deve emettere la propria decisione entro 120 giorni dalla ricezione del ricorso e può: a) respingere il ricorso emettendo ordinanza di ingiunzione di pagamento di una somma pari al doppio della somma originaria più spese. Contro l'ordinanza di ingiunzione di pagamento è possibile ricorrere al Giudice di Pace entro 30 giorni. L'Ordinanza ingiunzione di pagamento deve essere notificata entro 150 giorni mentre il pagamento deve essere effettuato entro trenta giorni dalla notifica. b) accogliere il ricorso e disporre con ordinanza l'archiviazione. Nel caso in cui il Prefetto non abbia disposto entro 120 giorni l'ordinanza di ingiunzione di pagamento il ricorso si considera accolto. - Ricorso Giudice di Pace ai sensi dell'art. 204-bis del D.L.vo 285/92 e successive modifiche, in alternative al ricorso al Prefetto, il trasgressore ed i soggetti sopra indicati, nello stesso termine di 30 giorni e sempre qualora non sia avvenuto il pagamento in misura ridotta, possono proporre ricorso al Giudice di Pace. Il ricorso deve essere depositato direttamente all'Ufficio del Giudice di Pace di Desio mediante consegna di tre copie fotostatiche.

Norme Comunali o Superiori

- D.L. vo (Decreto Legislativo) 30.4.1992 n.285 e regolamento di esecuzione s.m.i.
- D.L. vo (Decreto Legislativo) 507/99 (ricorso in opposizione al Giudice di Pace) s.m.i

Note / Non tutti sanno che

Si può ricorrere al Giudice di Pace anche per le sanzioni amministrative accessorie: ritiro patente, ritiro sospensione carta circolazione, sequestro veicolo ect..